I Crampi notturni:

da | 14 Lug, 2017

  1. Inizio
  2. /
  3. Articoli
  4. /
  5. I Crampi notturni:

Prenota la Tua Valutazione

I nostri specialisti sono a tua completa disposizione per diagnosticare e valutare i tuoi problemi e costruire insieme a te un percorso personalizzato che ti aiuterà a recuperare la tua salute ed il tuo benessere fisico e mentale. Il valore della valutazione è di 50€, per te oggi, completamente gratuita!

Cosa sono i crampi alle gambe?

Un crampo alla gamba è un dolore che viene da un muscolo della gamba. E causato da uno spasmo muscolare, che avviene quando un muscolo si contrae troppo. Di solito si verifica in un muscolo del polpaccio, sotto e dietro il ginocchio. I piccoli muscoli dei piedi sono talvolta colpiti.

Un dolore da crampo in genere dura pochi minuti. In alcuni casi dura pochi secondi, ma in alcuni casi dura fino a 10 minuti. La gravità del dolore varia. Il muscolo può rimanere sensibile fino a 24 ore dopo un crampo. Crampi alle gambe di solito si verificano quando si è a riposo – più comunemente di notte quando a letto. (Essi sono spesso chiamati crampi notturni.) Possono svegliare e diventare una condizione stressante se il sonno è disturbato regolarmente.

Chi ne soffre?

Molte persone hanno crampi occasionalmente. Tuttavia, essi si verificano di frequente in alcune persone. Essi sono più comuni nelle persone anziane. Circa 1 persona su 3 di età superiore ai 60 anni, e circa la metà delle persone di età superiore ai 80, hanno crampi alle gambe. Circa 4 su 10 persone che hanno crampi alle gambe li hanno almeno tre volte a settimana. Essi si verificano ogni giorno in alcune persone.

Quali sono le cause?

Causa sconosciuta (crampi idiopatici)

Nella maggior parte dei casi la causa non è nota. Secondo una teoria i crampi si verificano quando un muscolo che è già in una posizione accorciata viene stimolato a contrarsi ulteriormente. Visto che il muscolo ha già ridotto la propria lunghezza, un’ulteriore contrazione può causare uno spasmo. Questo accade comunemente di notte a letto, nella la posizione naturale in cui molti si sdraiano e cioè con le ginocchia leggermente piegate (flesse), e con i piedi rivolto leggermente verso il basso. In questa posizione il polpaccio è relativamente ridotto e può essere soggetto a crampi. Questa teoria spiega perché l’esercizio regolare potrebbe alleviare il problema.

Cause secondarie

In alcuni casi, i crampi possono essere un sintomo di un altro problema. Per esempio:

  • Alcuni farmaci possono causare crampi come effetto collaterale, o farli verficare più spesso. Questi includono: diuretici tiazidici e diuretici dell’ansa (compresse), nifedipina , cimetidina , salbutamolo, statine , terbutalina, litio , penicillamina e fenotiazine ( proclorperazina , perfenazina , clorpromazina ).
  • Sovraffaticamento dei muscoli.
  • Disidratazione.
  • Condizioni che causano alterazioni dell’equilibrio di sali nel sangue (ad esempio un livello di potassio sodio alto o basso).
  • Alcune persone che fanno dialisi possono avere crampi alle gambe.
  • Gravidanza – di solito nelle fasi conclusive.
  • Chi soffre di ipotiroidismo .
  • Malattia arteriosa periferica (restringimento delle arterie delle gambe che causa cattiva circolazione).
  • Eccesso di alcol.
  • Alcuni disturbi neurologici.

Cause rare comprendono: cirrosi epatica, avvelenamento da piombo, sarcoidosi.

Con le condizioni di cui sopra i crampi sarebbero solo uno dei vari altri sintomi. Pertanto, se vi sentite bene, e non avete altri sintomi inspiegabili, i crampi alle gambe potrebbero avere una causa sconosciuta (idiopatica), e non dovuti ad una causa secondaria.

Nota: crampi alle gambe sono diversi da una condizione chiamata sindrome delle gambe senza riposo (restless legs syndrome). In questa condizione le gambe possono fastidiose, si sente una sensazione di formicolio nelle gambe, e diminuisce camminando un poco.

Qual è il trattamento per un crampo alla gamba?

Allungare e massaggiare il muscolo interessato di solito può alleviare un attacco di crampi. La maggior parte dei crampi passa presto. Gli antidolorifici di solito non sono utili in quanto non agiscono abbastanza rapidamente. Tuttavia, un antidolorifico come il paracetamolo può aiutare ad alleviare il disagio muscolare e la sensibilità che persiste a volte fino a 24 ore dopo un episodio di crampo.

Quali sono le opzioni per prevenire i crampi alle gambe?

Se i crampi non si verificano spesso nessun trattamento particolare è di solito necessario. Tuttavia, se avete crampi frequenti, si può prendere in considerazione modi di prevenirli.

Considerate se il farmaco che state prendendo può causarli

Chiedete al vostro medico se si prende uno qualsiasi dei medicinali elencati in precedenza. Esso può essere la causa dei crampi alle gambe, o la causa della loro frequenza. Alternative potrebbero essere disponibili. Inoltre, se avete altri sintomi oltre a crampi, consultare il vostro medico che può visitarvi o fare alcuni controlli per escludere una causa secondaria.

Stretching

Esercizi di stretching sono comunemente consigliati. Tuttavia, vi è una mancanza di buone evidenze a loro supporto. Uno studio di ricerca ha concluso che gli esercizi di stretching hanno fatto ridurre il numero e la gravità dei crampi, ma un altro studio non ha confermato questo. Tuttavia, molti medici ritengono che l’attività fisica regolare aiuta.

Quindi, vale la pena di provare per 2 – 4 settimane a fare regolari esercizi per vedere se i crampi diminuiscono e se non diminuiscono possono ridurre la loro frequenza e / o la gravità.

Le posture e le posizioni delle gambe durante la giornata

Evitare di passare troppo tempo seduti o sdraiati o in piedi.

Se proprio bisogna farlo cercare di alternare alla posizione da assumere delle brevi camminate per esempio.

Se dovete passare molto tempo in treno, auto o aereo cercate di alzarvi quando potete e di muovere un po’ le gambe.

Altri trattamenti

Alcuni farmaci sono stati suggeriti come possibili trattamenti per crampi alle gambe .Questi includono il magnesio, diltiazem, vitamine del complesso B, vitamina E, naftidrofurile, Orfenadrina, e verapamil. In generale, questi non sono attualmente raccomandati, poichè la maggior parte degli studi che li coinvolgono hanno dimostrato una bassa percentuale di successo sulle persone.


Autori: Dr Tim Kenny, Dr Colin Tidy

Peer Reviewer: Dr John Cox

Traduzione parziale della pagina internet:  http://www.patient.co.uk/health/cramps-in-the-leg

Redazione

Soluzioni per recuperare il proprio stato di benessere. Superare il dolore dopo un intervento chirurgico.

Ultimi articoli del Blog

Lesioni Muscolari

Lesioni Muscolari

Proviamo a fare chiarezza su uno degli argomenti sui quali si sentono maggiori leggende: le lesioni muscolari. Questo è quello che la scienza attualmente consiglia di fare.

leggi tutto

Prenota Oggi la Tua Valutazione

I nostri specialisti sono a tua completa disposizione per diagnosticare e valutare i tuoi problemi e costruire insieme a te un percorso personalizzato che ti aiuterà a recuperare la tua salute ed il tuo benessere fisico e mentale. Il valore della valutazione è di 50€, per te oggi, completamente gratuita!

Skip to content